“Aspettando i barbari” di C.Kavafis

Proverò a contare una vecchia storiella divertente che descrive le diverse reazioni di alcuni personaggi al sentir contare, appunto,..una vecchia storiella divertente.
Iniziamo dal contadino del villaggio.
Questi riderà tre volte. La prima volta, subito, alla fine della storiella. La seconda volta quando gliela spiegheranno. E la terza quando, finalmente, arriverà a capirla.
Passiamo al Sindaco, sempre del villaggio.
Questi riderà due volte. La prima, subito. La seconda, quando gliela spiegheranno. Ad arrivare a capirla, purtroppo, …non ci arriverà mai.
E’ ora il turno ora del Capo della Forza Pubblica.
Egli riderà una volta sola: subito. Ovviamente non permetterà a nessuno di spiegargliela e quindi, purtroppo, non potrà mai “rischiare” di capirla.
Infine, ci sarà sempre, anche, chi non riderà mai, neanche una sola volta, perché, immediatamente, dirà, con aria schifata,: “Ah…, la conosco già!” 
……………………………………..
Anche tra questo materiale che mi ostino, da un po’, a mettere in rete, si potranno trovare sia cose recenti, sia cose stranote. (cfr.:
“estrarre dal proprio tesoro cose nuove e cose antiche” di Matteo 13- 52)
Non mi sorprenderò al sentir dire: “Roba vecchia. La conoscevo già.” – (
“Nihil sub sole novi” – Qohélet 1,10).
Sono, anch’io, abbastanza vecchio per sapere, insomma, che ci sarà sempre chi, alla fine, sarà in grado di descrivere minuziosamente il “dito”, ma nulla saprà dire sulla splendida “luna” che quel dito indicava.

 

1080492841.jpg

 

Parlerò ora di Kostantinos Petrou Kavafis, noto in Italia come Costantino Kavafis (Alessandria d’Egitto, 29 aprile 1863 – Alessandria d’Egitto, 29 aprile 1933).
Ho trascelto, per l’occasione, una poesia propostaci dalla voce di Vittorio Gassman:
“Aspettando i barbari”
Un testo che non perderà mai di attualità, e ciò proprio perché, sempre, saremo portati a sperare che “la soluzione” ai nostri problemi risieda sulla punta di corrusche lance barbariche.
Ora, però, godeteVi l’armonia delle superne sfere e lo spettacolo di quella fantastica luna, alta, là. lassù, nel cielo!

http://1984.myblog.it/media/01/00/1644544090.mp3 

In sottofondo “Bydlo” da Pictures at an Exhibition di Modest Mussorgsky – esegue: Isao Tomita

“Aspettando i barbari” di C.Kavafisultima modifica: 2008-08-31T20:58:00+00:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento