Relatività divina


Un mendicante ebreo, con poca voglia di lavorare, continuava ad accusare Dio di essere la causa di tutta la sua miseria e continuava a ripetere: “Se Lui volesse ascoltarmi, avrei io un discorso da fargli e sono sicuro che, dopo, la mia condizione cambierebbe”.

E, finalmente, una notte, in sogno, gli apparve Dio.

“E’ vero quel che sento dire in giro, che tu mi consideri l’origine di tutte le tue disgrazie e che avresti qualcosa da dirmi?”.

“Sì, solo un paio di domande”

“Forza”

“Se per Te un milione di anni conta come un secondo, quanto conta un milione di monete d’oro?”

“Un centesimo”

“Bene, non potresti mica regalarmi un centesimo?”

“Certamente. Puoi mica aspettare solo un secondo?”.

Relatività divinaultima modifica: 2008-09-02T13:37:59+00:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Relatività divina

Lascia un commento