La ragione e le ragioni

1971834087.jpg

Alessandro Manzoni di Francesco Hayez

Ormai avanti negli anni, ricco in onori e fama, il grande Alessandro Manzoni era solito trascorrere i pomeriggi in un gran salone dove gli innumerevoli nipotini coi loro amichetti giocavano tenendo ben presenti le raccomandazioni dei genitori di non importunare troppo il gran nonno che, in disparte, sprofondato nella sua poltrona preferita, un po’ leggeva e un po’ dormicchiava.
Un giorno avvenne che proprio due bambini bisticciarono e il nostro dovette intervenire a calmare la piccola lite.
Uno dei due, il più sveglio, si rivolse subito al nonno e spiegò le ragioni della lite.
Il Manzoni  prestò la massima attenzione al racconto anche perché già sapeva che si sarebbe inevitabilmente concluso con la richiesta di un giudizio e relativa emissione di sentenza possibilmente favorevole al piccolo appellante.
Manzoni alla richiesta sentenziò infatti, alla fine del racconto:
“Sì, hai proprio ragione..”
Subito l’altro riespose gli interi fatti, visti però dalla sua prospettiva ed alla fine chiese, pure lui, al nonno:
“Ma non ho ragione io nonno?”
E Manzoni serio e compreso sentenziò:
“Sì, mi sembra che tu abbia proprio ragione”.
Dopo alcuni minuti i giochi erano ripresi e nessuno sembrava ricordarsi più dell’accaduto.
Solo un terzo bambino che se n’era stato pensoso in disparte, lasciato che il nonno ritornasse a sedersi sulla sua poltrona gli si avvicinò e gli disse:
“Scusa nonno ma io non credo per niente che avessero potuto avere entrambi ragione.
Non è possibile!”
“Hai ragione”.

 

La ragione e le ragioniultima modifica: 2008-09-29T19:37:00+00:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento