Il Dottor Azzeccagarbugli

“Se non avete fede in me, non facciam niente. Chi dice le bugie al dottore, vedete figliuolo, è uno sciocco che dirà la verità al giudice. All’avvocato bisogna raccontar le cose chiare:
a noi tocca poi a imbrogliarle“.
 
dai: “Promessi sposi”
di: A. Manzoni
cap. 3
 
Dottor Azzeccagarbugli.JPG

Il dottor Azzeccagarbugli è un uomo servile, corrotto, ipocrita, “è la mente che serve di potere” a don Rodrigo e ai suoi bravi.
Il suo studio è una cornice degna del decadimento fisico e morale del personaggio: è uno stanzone, su tre pareti del quale sono appesi i ritratti dei dodici Cesari, tutti rappresentanti del potere assoluto, considerato sacro e inviolabile nel ‘600; sulla quarta parete è appoggiato un grande scaffale di libri vecchi e polverosi; nel mezzo è una tavola gremita di carte alla rinfusa, con tre o quattro seggiole all’intorno, e da una parte un soggiolone a braccioli piuttosto malandato.
Esaminando il comportamento del dottore nell’esercizio della sua professione, si ha ben chiara l’idea di come funzionava la giustizia nel ‘600, in pieno regime feudale. Le “gride” erano tante e tutte comminavano pene severissime, per qualsiasi infrazione.
Ma esse valevano per i poveri diavoli, senza protettore.
I signorotti e gli uomini a loro servizio potevano “ridersi” delle leggi, perchè, col terrore o la corruzione, e con l’aiuto di avvocati senza scrupoli al loro servizio, riuscivano ad eluderle e a farla franca.
 
 
Ma no?!
Già allora?! 
Il Dottor Azzeccagarbugliultima modifica: 2008-11-28T06:53:00+00:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Il Dottor Azzeccagarbugli

Lascia un commento