Lassamme fa’ a Dio – 8di9

Nanninella si imbuca in conosciuti vicoli addormentati ed immersi nel buio della notte.
Già la campana della chiesa di sant’Eligio batte l’una quando, la nostra eroina entra nella probabile unica stanza in cui abita.
Suo figlio, di appena un mese, sta piangendo, ha fame. 
La mamma l’aveva lasciato solo in casa forse, pensando, di essere presto di ritorno, non immaginava certo quella strana avventura che la pietà di Dio volle poi realizzare.
Nannina tira fuori il bambino dalla culla, lo avvolge con amore nel suo caldo scialle e subito gli dà il latte, oltre che tutta la sua attenzione.
Adesso tutto tace, non si sentono più rumori o voci: solo due respiri lievi e quieti.
Ora, riuniti ed abbracciati, mamma e figlio, si possono addormentare felici.
Il vero Paradiso è questo! 
L’Altro..può attendere.
E, poi, domani si vedrà, anche se già si sa, che, come sempre, anche domani, si dovrà reinventare la vita.

Annotazione musicale: Il brano che conclude il nostro ciclo monteverdiano è un Inno ovvero l’elaborazione in musica, del noto testo: AVE MARIS STELLA. 
E’ mio avviso il punto più alto di quest’opera e a maggior corredo per la sua comprensione, questa volta, Vi unisco testo latino e traduzione in italiano.
Si sa che questo componimento poetico è antichissimo, alcuni lo fanno risalire al V-VI secolo ma più probabilmente è coevo all’improvviso esplodere del culto mariano, collocabile attorno al 1.000-1.100.
I terrori chiliastici che tanto avevano preoccupato l’uomo che usciva dai secoli bui, si sono, infine, rivelati inesistenti, il vecchio mestiere del vivere riprende esattamente uguale a prima.
I tempi sono ormai maturi per l’elevazione delle grandi cattedrali gotiche del nord.
Superbe, grandi, misteriose costruzioni quasi tutte dedicate proprio a Maria, (la Notre Dame d’OltrAlpe) soventemente raffigurata “nigra” come già ricordato dal salmista, intagliata dai fratelli “massoni” scalpellini ed artisti del tempo, con quel sorriso ineffabile che spinge finalmente via il Cristo Pantocratore ed apocalittico imperversante dalle lunette romaniche.
Qui, per questo inno che possiede tanto vivo “calore” mediterraneo, ho scelto una direzione catalana quindi geograficamente più bassa, dei soliti interpreti nordici piglia tutto di prima.
Jordi Savall i Bernadet conduce “La Capella Reial de Catalunia” dirigendola in modo trasognato.
A Voi il godimento.
Il prossimo post n. 9 non avrà il solito commento musicale perché riporterà per intero la poesia che, ora, mi auguro, risulti di comprensione più accessibile per i non napoletani.
Come preannunciato la si potrà, finalmente!, sentire recitata da un Eduardo De Filippo in gran spolvero; e quella sarà la musica.
Consiglio di seguirla, leggendo, contemporaneamente, il testo che riallegherò per intero.
Voglio terminare le mie note rilevando ciò che tutti avrete da tempo sicuramente notato: in fondo, la regina nascosta di tutto il lavoro di Salvatore Di Giacomo è la città e, con Essa, tutta la Sua gente. 
Gli stessi comprimari: Dio, Pietro, i cento angeli, non sono poi altro che semplici ed utili comparse.
Ma la protagonista indiscussa è solo e sempre: Napoli.
E Napoli in fondo cos’è?
Eduardo De Filippo, con infinito amore, in pochi versi, ce ne fa la descrizione:

Napule è ’nu paese curioso:
è ’nu teatro antico, sempre apierto.
Ce nasce gente ca senza cuncierto
scenne p’ ’e strate e sape recità.
Nunn’è c’ ’o ffanno apposta; ma pe’ lloro
‘o panurama è ‘na scenografia,
‘o popolo è ’na bella cumpagnia,
l’elettricista è Dio ch’’e fa campà.

Grazie a tutti Voi..

 
 
Nanninella’ ‘a pezzente
guardaie ccà, guardaie llà, s’ urizzuntaie,
e truvaie finalmente
‘a via d’ ‘a casa soia. Sunava ll’ una
a Sant’ Eliggio. E dint’ ‘o vico scuro
sciuliava ncopp’ ‘o muro
nu raggio ‘e luna.
– Ninno !
Ninno !
Sto ccà!… Mamma è turnata!… –
E ‘a porta, mez’ aperta e meza nchiusa,
‘e nu vascio vuttaie cu na spallata.
Trasette ‘e furia. Currette addó steva
nu piccerillo dint’ a nu spurtone…
S’ acalaie… Chillo povero guaglione
c’ appena appena teneva nu mese,
sennuzziava, cu ‘e manelle stese…
Nanninella ‘a pezzente
ll’ arravugliaie dint’ a nu sciallo viecchio
s’o pigliaie mbraccia s’o strignette mpietto
e dint’ ‘o chiaro ‘e luna
e asciuttannose ll’ uocchie a ‘o mantesino
lle dette latte – e s’ ‘addurmette nzino…

FINE


Werner Bischof - Castel di Sangro.jpg

 Werner Bischof – Castel di Sangro
http://1984.myblog.it/media/02/00/821297531.mp3
 Ave, maris stella,
Dei mater alma
atque semper virgo,
felix caeli porta.

Sumens illud Ave
Gabrielis ore,
funda nos in pace,
mutans Evae nomen.

Solve vincla reis,
profer lumen caecis,
mala nostra pelle,
bona cuncta posce.

Monstra te esse matrem,
sumat per te preces
qui pro nobis natus
tulit esse tuus.

Virgo singularis,
inter omnes mitis,
nos, culpis solutos,
mites fac et castos.

Vitam praesta puram,
iter para tutum,
ut videntes Iesum,
semper collaetemur.

Sit laus Deo Patri,
summo Christo decus,
Spiritui Sancto,
tribus honor unus.

———————
Ave, stella del mare
Eccelsa madre di Dio
E sempre Vergine,
Felice porta del cielo

Accogliendo quell'”Ave”
dalla bocca di Gabriele,
donaci la pace,
mutando il nome di Eva.

Sciogli i vincoli per i rei,
dà luce ai ciechi,
scaccia i nostri mali,
dacci ogni bene.

Mostrati Madre di tutti,
offri la nostra preghiera,
Cristo l’accolga benigno,
lui che si è fatto tuo Figlio.

Vergine santa fra tutte,
dolce regina del cielo,
rendi innocenti i tuoi figli,
umili e puri di cuore.

Donaci giorni di pace,
veglia sul nostro cammino,
fa’ che vediamo il tuo Figlio,
pieni di gioia nel cielo.

Lode all’altissimo Padre,
gloria al Cristo Signore,
salga allo Spirito Santo,
l’inno di fede e d’amore.

Bicci di Lorenzo - Madonna che allatta - XIII sec.jpg

Bicci di Lorenzo – Madonna che allatta – XIII sec

Lassamme fa’ a Dio – 8di9ultima modifica: 2008-12-12T06:18:53+00:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento