Ricordando Massimino

 D’Alema:
“Amalgama malriuscito”
(e provare, ad esempio, ad amalgamarcisi con Berlusconi?) 
D'Alema.jpg

 «Presidente, a questa squadra manca l’amalgama»
diceva Di Marzio a Massimino negli Anni Sessanta.
E l’allora presidente del Catania rispondeva:
«Dove gioca? Quanto costa?
Prendetelo quando riapre il mercato al Gallia».
Ricordando Massiminoultima modifica: 2008-12-20T06:18:00+00:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Ricordando Massimino

  1. Hai una immensa memoria a ricordarti questo “battibecco” tra Massimino ed il suo allenatore “pro tempore”.
    Me ne hai fatto venire in mente un altro tra il povero Massimino ed il suo direttore sportivo che doveva andare in aereo a visionare e comprare un certo giocatore. Il direttore sportivo, il giorno della partenza, chiama il suo presidente dicendo che non poteva partire perchè sulla località di destinazione c’erano i monsoni. Massimino rispose di comprare anche loro. Alla risposta che non poteva comprarli perchè erano venti, il presidente ebbe a dire: ” Compra anche loro anche se sono cento”.
    Fa ridere ma quello che non fa ridere proprio è l’attuale situazione del PD, lacerato all’interno del gruppo “dirigente” ed anche fuori.
    Ho seguito ieri sul canale 813 di Sky il dibattito; sempre le stesse cose con le stesse parole incomprensibili ai più che non hanno mai fatto parte della politica.
    Solo un delegato di Piombino ha scosso il dibattito fragile sino a quel momento, più frasi fatte che altro di nuovo.
    Sto scrivendo, per ora solo un post,sulla capacità di questo partito di farsi del male; ho cominciato il secondo post abbandonato perchè, a causa di una nevralgia che mi ha costretto a letto, puntando il dito sulle situazioni locali dove il coinvolgimento tra eletti, si fa per dire, con singoli individui dediti agli affari – non sempre puliti – è più facile che ai livelli superiori.
    Comunque tenterò di finire a breve.
    Un caro saluto.
    Corrado

Lascia un commento