Considerazioni al fosforo

Storiella acidula
 
“C’era un tizio che aveva un cane.
Un giorno si accorse che l’animale aveva contratto una grave infezione alla coda. 
Il veterinario suggerì di amputare.
“Il cane, comunque, non corre pericolo di vita e l’infezione si può anche curare con pillole, ma la cosa viene lunga!
Dia retta a me: Anestesia e poi un bel colpo e via!”
e si offerse per operare in tal senso.
Al nostro uomo piangeva il cuore alla sola idea di far soffrire il cane e decise di portarlo a casa e pensarci su bene sul da fare.
Passò del tempo ed un giorno i due si trovarono, casualmente.
“E allora? Il suo cane?”
“Sto provvedendo io” 
“”Cosa vuol dire che sta provvedendo Lei? Ha deciso per ‘sto taglio o no?”
“Sì, sono d’accordo con Lei dottore, ma per non farlo soffrire troppo, ne taglio io una fettina al mese.” 
 
 
In un mio precedente post contavo di Vittorio Zucconi e del come avesse appreso che i massicci bombardamenti di città tedesche e inglesi non avessero fatto altro che rinvigorire la resistenza dei bombardati, invece di fiaccarla.
Peccato solo che tra gli esempi di grandi città bombardate non si citassero né Hiroshima, né Nagasaki.
Casuale?
Forse, anche se non credo.
Ora a me pare di aver letto da qualche parte che Israele possedesse, già ai tempi, un arsenale atomico di ben 150 ordigni nucleari.
Forse adesso sarà pure aumentato. 
“Aumenta tutto!”
A quanti Dottor Stranamori sarà venuto in mente di risolvere la questione con decisione maschia? 
Una sola bombetta, a pensarci bene, sarebbe perfettamente in grado di “bonificare” definitivamente i 300 Kilometri quadrati della Striscia di Gaza.
Non è poi molto, suvvia! 
(Fate conto che l’estensione della città di Los Angeles è 3 volte maggiore dell’intera Striscia!)
E di bombe ne rimarrebbero sempre ancora altre 149 per eventuali necessità future. 
Forse la cosa che un po’ frena è il possibile “fall-out” sul territorio di Israele.
O no?
Però, se poco, poco si potesse…Eh?
In fondo, a voler fare i ragionierini, la Storia ci insegna che i soli morti dei bombardamenti della città di Dresda, in totale, non dimentichiamolo!, ben più di quelli di Hiroshima e Nagasaki messi assieme!, non fiaccarono più di tanto la combattività teutonica ma, insomma, qualcosa fecero, se già nei primi di Maggio i Sovietici erano in grado di entrare nella Cancelleria del Reich a Berlino.
E invece per sistemare il Giappone bisognerà arrivare fino all’Agosto (forse perché America e Giappone erano “partite con un maledetto ritardo” nel conflitto..)
E, in più, si dovettero usare giusto 2 Atomicuzze.
 Secondo me qualcuno forse sta già considerando che le “Bombe al Fosforo”, altamente vietate esattamente come quelle “A grappolo”  usate da Israele ai confini del Libano, non siano altro che:
“tagli mensili di coda al cane”.
Israele, comunque,  dice che butta per: “illuminare”.
…… 
 Ah! Beh, se è così…
 
 

Considerazioni al fosforoultima modifica: 2009-01-07T08:05:00+00:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento