Ò napulitan è anarchich?

Rubo spudoratamente da un blog 
 
 
Dicen’che nuie napulitan’ tenimmo dint’ò sangh’…l’anarchia.
Forze po’ essere ò ver, vedenn’à storia nost’.
Diciteme quala vot’avimmo avut’deritt’dà la parola?
È chi nun’po’ parlà ò fegat’se magnà e furnesce cu ò tiempo..a nun’ crerere à nisciuno.

Fin’ò 476 c’è stevano e Roman’ che dà Cuma pigliannece à cavuce int’o culo c’è mannaieno a ddo mo se trova Napule, pecchè o gorfo parava e nave loro, mica pè fa bene o popolo partenopeo.

Po’ arrivaieno è Normanni,n’ziem’e Svevi, ò milletrecient’arrivan ’e francesi, po’ subbet’roop’gli Aragonesi,0 millecincuicient’e mammalucchi, pè nà trentina d’anni a repubblica e chi teneva è scole, che dò popolo nun sentiva neanch’addora.

Po’ pè mettere a post’è cose venettero è spagnoli nata vota, e po’ pè levà e spagnuolee venette Garibbardi e piemontesi che a Napule venettero a fa a spesa e se purtain’n,coppe chelli poch’fabbriche e pummarole, e maccarun’e gragneno e chilli pochi sordi che stevano o monte e paschi e Siena.

Una sola vot’ ammu scigliut’quarche cosa è stato ò quaranta sei..quann’ vulettemo o re, (nunn’è che a mme a scelta do re m,à fatt’piacere; ma pè vè dicere comme so ghiut’e cose) ma a part’e coppa che ha sempe cummannato avev’scelt’a repubblica…e nuie ammu ammuccato.

Simm’stat’sempe nu popolo che ò che brutt’o che cattiv’nunn’ammu mai tenuto voce n’capitolo…forze st’anarchia..nunn’è propretamente, anarchia….è chiù gnuranza è libertà…a nosta ppe nu cuofan’è mutivi è stata sempe libertà condizionata:
o se preferite simme stati sempe agli arresti domiciliari…..comme se dice, “carcerati dint’à terra nosta”.

A qualch’anno a ffa e secondin’e stà priggione

ce stann’l’uommene ddà camorra..
 
 
 
 
 
Non so Voi, ma io la trovo semplicemente bellissima!
 
 
NOTA: 
Per coloro che incontrassero difficoltà a capire,
solo dietro esplicita richiesta,
(sì, so di essere  una vera carogna, ma c’è una ragione)
invierò versione italiana. 
Ò napulitan è anarchich?ultima modifica: 2009-01-07T09:27:00+00:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento