La RAI, un’altra ALITALIA

Traggo da un blog questa lettera:

“Siamo due conviventi, non sposati, residenti nel medesimo appartamento. 
Per la Legge siamo due nuclei familiari.
E questo è il comportamento della RAI nei nostri confronti:

“Esige da noi ben DUE abbonamenti, poiché il “canone” DEVE essere corrisposto dai NUCLEI FAMILIARI DETENTORI di apparecchiature in grado di ricevere trasmissioni televisive.” 
Ora:
1. Viene utilizzato il termine DETENTORI, invece di possessori, probabilmente nel tentativo di includere TV non di proprietà.
E fin qui andrebbe bene, se non si scontrasse con il seguente termine:

2. NUCLEI FAMILIARI. Immaginate 6 studenti residenti nel medesimo appartamento, nel quale sia presente un solo apparecchio televisivo. Dovrebbero corrispondere SEI abbonamenti, per avere il diritto di utilizzare il medesimo apparecchio? E se decidessero di ospitare temporaneamente un’ulteriore persona, che magari non paga il canone, perché presso il suo luogo di residenza non possiede TV? Dovrebbero negargli il diritto di visione?”.
 
*** 
 
ANCH’IO MI PERMETTO DI FARE UNA DOMANDA: 

Ma in Italia non ci si vergogna mai?

La RAI, un’altra ALITALIAultima modifica: 2008-09-20T21:43:00+02:00da fragiune
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La RAI, un’altra ALITALIA

Lascia un commento